Archivi

Categorie

Tag

Sri Lanka che sorpresa, panorama

Sri Lanka che sorpresa!

Mi chiamo Ilaria, ho 22 anni, sono una maestra di sci e amo viaggiare da sola.

Già, da sola.

O meglio, più che da sola, mi piace viaggiare con me.

In mia compagnia sono stata a Firenze, Barcellona, in Perù e Bolivia, ho fatto il giro dell’Olanda, sono andata a Bruxelles, in Namibia e Botswana (partita da sola e poi aggregata a dei ragazzi conosciuti tramite Couchsurfing), poi in Francia, Polonia e sono appena tornata a casa dopo aver trascorso due mesi e mezzo (sempre con me) in India e Sri Lanka.

Ora però vorrei raccontarvi del mio viaggio in Sri Lanka; ho scelto questo paese perché pensavo che dopo l’India sarebbe stato un po’ più semplice da affrontare e infatti così è stato; ma dopo l’India, tutto è semplice da affrontare.

Sono arrivata a Negombo una piccola cittadina di pescatori che si affaccia sull’Oceano Indiano e la cosa che mi ha subito colpito dei cingalesi (così si chiamano gli abitanti dello Sri Lanka), è stata la loro gentilezza.

Una gentilezza che viene offerta senza volere nulla in cambio.

A Negombo sono sta quasi morsa da un cane randagio, ma per fortuna si è portato via solo un pezzo dei miei pantaloni lasciandomi intatto il polpaccio.

Con un pullman (in Sri Lanka funzionano benissimo e arrivano praticamente ovunque), mi sono spostata a Dambulla e Sigiriya (un sito archeologico su una roccia gigante in cima a una collina dove ci sono dei resti di un antico palazzo); invece di andare a Sigiriya però, sono andata a Pidurangola (simile a Sigiriya, ma senza palazzo e molto più economica).

Sono passata da Kandy, ma solo di sfuggita perché c’era un po’ troppo casino e dopo l’India avevo bisogno di tranquillità.

Lì ho usato Couchsurfing come avevo già fatto in India.

Dopo Kandy sono andata a Nuwara Eliya con il treno, la tratta più spettacolare della mia vita: tutta immersa nella natura e nelle piantagioni di tè.

Il treno è spesso pieno, per godervi meglio il panorama, vi consiglio di prendere il biglietto della terza classe e sedervi sugli scalini dove (in teoria) dovrebbe esserci una porta che in pratica non c’è.

Sri Lanka, nine arches bridge

A volte Nuwara Eliya viene saltata come tappa, ma per quanto mi riguarda è stata una delle parti più belle del mio viaggio: sembra una cittadina inglese con cascate, natura e gente meravigliosa.

In una fabbrica di tè ho conosciuto un uomo che ha voluto invitarmi a cena in una villa; ci sono andata nonostante fossi da sola, con lui e un suo amico.

In Sri Lanka non ho mai avuto la minima sensazione di essere in pericolo; ho incontrato solo persone fantastiche!

Sempre con il treno mi sono spostata a Ella e lì vi consiglio di andare su una piccola montagna, Little Adam’s Peak, e di andarci all’alba.

Dopo due mesi di viaggio avevo voglia di spiaggia e mare, per ritrovare la felicità, quella felicità che avevo perso da qualche tempo; tuffarmi nell’Oceano Indiano è stato uno dei momenti più belli della mia vita.

Dopo Mirissa e Unawatuna che sono famose maggiormente per il surf, ho deciso di tornare a nord in modo da avere un’idea generale di tutto lo Sri Lanka.

Sempre con un pullman e un viaggio di circa 10 ore sono andata a Trincomalee, là ho nuotato in mezzo a squali e tartarughe. Una cosa meravigliosa!

È stato un viaggio pazzesco in tutti i sensi.

Ho avuto modo di pensare tanto, tanto, tanto.

Ho capito un po’ di cose che vedendole dalla prospettiva con cui le vedevo a casa non mi sembravano così chiare, come mi sembrano adesso.

L’India mi ha sconvolta, ha preso il mio cuore e l’ha fatto a pezzi, lo Sri Lanka l’ha riparato.

Per questo non potrei essere più contenta di così!

Questi due mesi e mezzo sono stati un minuscolo assaggio di quello che sarà il mio giro del mondo che prima o poi farò. Per il momento c’è il sogno e c’è il progetto.

Non ci sono i soldi e non c’è la testa.

Ma solo chi è abbastanza folle da credere di poter realizzare i propri sogni, li realizza davvero.

Instagram: wanderiaia

Ciao! Siamo Rubens e Serena di Pavia Viaggia.

Sei appassionato di viaggi? Scrivi e racconta la tua storia…

Inviala a [email protected]

Lascia un commento